Notizie Utili



CORREDO CONSIGLIATO ALL'INGRESSO
L’ospite deve essere munito di un quantitativo di vestiario necessario al suo fabbisogno come meglio o più specificatamente indicato nella tabella sottostante, Ogni capo verrà contrassegnato con un codice numerico stabilito dal Servizio Lavanderia, al momento dell’ingresso in struttura. Gli ulteriori capi portati in struttura dopo l’ingresso dovranno comunque essere consegnati al Responsabile del Servizio di lavanderia che provvederà a contrassegnarli. La casa di riposo non si assume la responsabilità dei capi inseriti direttamente nell’armadio dell’ospite e non presi in carico dal Servizio di lavanderia.
E’ consigliabile un abbigliamento comodo e pratico (es. tute) e scarpe antisdrucciolo chiuse con velcro o cerniera. Sono indispensabili: pettine, spazzolino per l’igiene orale, rasoio. Porta protesi.

DOTAZIONE TIPO DI INDUMENTI CONSIGLIATA PER RICOVERO
DESCRIZIONE QUANTITA'
Indumenti Invernali:  
Maglie intime in cotone felpato 10 pezzi
Calze in caldo cotone/nylon 10 paia
Pantalone tipo tuta felpato   7 pezzi
Felpa   7 pezzi
Golf misto lana   3 pezzi
Pigiama/camicie da notte in maglina o felpati   7 pezzi
Cappotto/Giaccone (per chi deambula ed esce)   1 pezzo
Indumenti Estivi:  
Maglie intime di cotone 10 pezzi
Calze in cotone/nylon 10 pezzi
Pantalone tipo tuta cotone   7 pezzi
Felpa leggera   7 pezzi
Golf in cotone   3 pezzi
Pigiama/camicie da notte in maglina   7 pezzi
Indumenti per ogni stagione:  
Mutande (se continente) 10 pezzi
Fazzoletti monouso (da rifornire spesso)   2 pacchi
Scarpe   1 paio
Ciabatte   1 paio
Maglia tipo polo mezza manica in cotone 10 pezzi

FUMO
Nelle aree di degenza degli ospiti ed in tutta la RSA (salvo gli uffici non aperti al pubblico e l'esterno) è vietato fumare. Per i fumatori è individuata una apposita area di fumo, collocata nel piano seminterrato e dotata di apposita ventilazione con ricambio d'aria e aspirazione forzata.

SCIOPERI DEL PERSONALE
In caso di sciopero del personale, come stabilito dalla Legislazione vigente, sono previsti contingenti minimi di personale in servizio in modo da garantire l'erogazione dei servizi essenziali.

EMERGENZA E NORME ANTINCENDIO
L'Ente è dotato di procedure di verifica e controllo, manutenzioni programmate e impianti in grado di assicurare la sicurezza degli edifici. Inoltre è stato strutturato un apposito Piano di Emergenza e Piano di Evacuazione, con specifiche procedure operative, in grado di scattare tempestivamente ed in modo preordinato in caso di pericolo. Esso è finalizzato a ridurre al minimo i pericoli in caso di eventi calamitosi (incendi, terremoti ecc.), portare soccorso alle persone eventualmente colpite e delimitare e controllare l'evento, ove possibile, al fine di ridurre i danni. Il personale è addestrato, come previsto dalla vigente normativa, per interventi atti a tutelare la salute e la sicurezza degli utenti. I visitatori che si trovassero in struttura al verificarsi di tali eventi, sono tenuti a seguire scrupolosamente le indicazioni fornite dai preposti per mettersi in sicurezza.

USCITA DEGLI OSPITI DALLA STRUTTURA
Gli ospiti non autosufficienti possono uscire dalla struttura se accompagnati, salvo specifica apposita autorizzazione della Direzione Sanitaria. Ove accompagnati all'esterno dal personale dell'Ente, in orario di servizio, rientrando tale prestazione nelle normali attività dell'Ente, non è prevista alcuna autorizzazione particolare, se non il rispetto dei Piani Assistenziali e delle prescrizioni mediche.
Ove I familiari o tutori intendessero accompagnare all'esterno della RSA degli ospiti, essi sono comunque ed in ogni caso, qualunque sia la durata dell'uscita e qualunque sia la destinazione, a richiederne autorizzazione scritta al Responsabile di Nucleo, che, verificata con il Servizio Sanitario interno la fattibilità, ne concede nulla osta, fornendo le eventuali indicazioni e prescrizioni necessarie, e previa firma della liberatoria.

OGGETTI PERSONALI
E' consentito, ed anzi auspicato, che l'utente, all'atto dell'inserimento, porti con sé significativi e piccoli oggetti personali, da collocare nella propria stanza. Si sconsiglia invece di portare oggetti di valore, e di tenere con sé somme di denaro elevate, di cui l'Ente non risponde. Gli stessi possono essere depositati presso l’Ufficio Segreteria, che rilascerà una ricevuta.

USO DI TELEFONI CELLULARI E RIPRODUTTORI CD PORTATILI
L'uso dei telefoni cellulari e dei riproduttori CD deve essere autorizzato dalla Direzione Sanitaria, in relazione alle patologie dell'utente stesso e degli ospiti che ne condividono eventualmente la camera (portatori di pace maker).

Camere Singole e assegnazione della camera e del Nucleo
L'assegnazione del Nucleo e della stanza avviene per ragioni dipendenti dalle condizioni socio-sanitarie del soggetto che pertanto può essere anche spostato per tali ragioni. Le camere singole sono assegnate dalle Direzioni Sanitaria e Sociale esclusivamente per ragioni di problematiche sociali ovvero per ragioni legate alle condizioni cliniche del soggetto. La collocazione in tali stanze singole non prevede alcun onere economico aggiuntivo e pertanto l'utenza può essere spostata e collocata in altra stanza, anche non singola, al variare delle condizioni socio-sanitarie del soggetto, ovvero in caso di necessità di impiego della camera per altri soggetti.

TV E RADIO
Ogni reparto è dotato di apparecchio televisivo, nel locale soggiorno, come pure esiste un apparecchio TV nella sala attività ricreative al piano terra e nella sala polifunzionale nel seminterrato. Gli utenti possono comunque portare, compatibilmente con lo spazio e con la presenza di altri utenti che ne sono già provvisti, apparecchi televisivi da collocare nella stanza. In tale caso occorre contattare la Segreteria per gli opportuni accordi e predisposizioni da parte del Servizio Tecnico. Parimenti ciascun ospite può portare apparecchi radio o riproduttori di cassette (in caso di riproduttori di CD vedere apposito paragrafo), meglio se dotati di appositi auricolari o cuffie.

ASSISTENZA SPIRITUALE - RELIGIONA
Durante la settimana è possibile, per chi lo desidera, partecipare alla celebrazione della S. Messa presso la cappella della struttura. Il giorno e l’orario delle celebrazioni sono esposti in visione al pubblico. Parimenti, un sacerdote, per quanto attiene gli ospiti di fede cattolica, è disponibile per confessioni, S. Comunioni e altri sacramenti.

VARIAZIONE INDIRIZZO
I familiari degli ospiti sono pregati di segnalare all’ufficio amministrativo eventuali cambiamenti di indirizzo e/o numeri telefonici (anche per brevi periodi); diversamente la RSA non si assumerà alcuna responsabilità per comunicazioni urgenti non recapitate.

AGEVOLAZIONI FISCALI
Le erogazioni liberali fatte a favore della Soc. Coop. Soc. PICCOLA CASA DIVINA PROVVIDENZA (ONLUS), persona giuridica privata che ha specifiche finalità di assistenza sociale e sanitaria, possono essere detratte così come disposto dall’art. 65 del T.U. “Imposte sui redditi” D.P.R. 22.12.1986 n. 917

DESTINAZIONE DEL  5‰
E’ possibile destinare la quota del 5‰ dell’imposta sui redditi delle persone fisiche alla PICCOLA CASA DIVINA PROVVIDENZA Soc. Coop. Soc., indicando in occasione della compilazione della dichiarazione dei redditi (modello CUD, modello 730 o Modello Unico Redditi Persone Fisiche) il numero di Codice Fiscale 03132800966.

ASSENZE - DIMISSIONI
Qualora l’Ospite dovesse assentarsi dalla RSA per motivi sanitari, dietro autorizzazione medica, la retta dovrà essere corrisposta per intero per tutti i giorni di assenza. E’ garantito il mantenimento del posto letto.
In caso di richiesta di trasferimento o dimissione da parte dell’Ospite è dovuto il preavviso di giorni 8. Ove il termine non venga osservato è dovuto il pagamento del periodo corrispondente ai giorni di mancato preavviso.
La dimissione dell’ospite, in caso di ritorno al domicilio o di trasferimento presso altre strutture, al fine di consentire una continuità dell’assistenza, è accompagnata da una relazione clinica sulle condizioni psicofisiche, con particolare riferimento al decorso, ai problemi attivi ed alla terapia in corso.
La retta è dovuta sino alla data di effettiva dimissione.

Se l’ospite vuole allontanarsi dalla struttura, solo o con altri, deve avvisare il personale infermieristico e firmare apposito registro. Gli ospiti direttamente o tramite un loro familiare, possono richiedere di lasciare la RSA, per motivi personali, per un periodo massimo di 15 giorni con  conservazione del posto letto dietro corresponsione della retta di degenza.

DIVIETI

  • In tutta la struttura è vietato l'uso e la detenzione di fornelli elettrici o a gas, apparecchi con fiamme libere, ferri da stiro e comunque apparecchiature che erogano calore o sostanze infiammabili, tossiche o nocive. Parimenti non è consentito (salvo per quanto più sopra descritto) allacciare alla rete elettrica alcun apparecchio (in particolar modo se non rispondente alle prescrizioni normative in materia di sicurezza), salvo che su apposita specifica autorizzazione dell'Amministrazione, da richiedere c/o la Segreteria.
  • Non è consentito portare in struttura armadi o arredo, sia per ragioni di spazio, sia per ragioni di rispondenza alle norme di sicurezza, ed è non consentito ed inopportuno detenere forbici con le punte, coltelli con le punte o comunque oggetti taglienti e pericolosi. In caso di dubbio chiedere al Responsabile di Nucleo.
  • E' vietato ricorrere al personale dipendente per servizi e prestazioni non previste dalla organizzazione della RSA, ed in particolar modo ricorrere al personale della RSA per utilizzarlo sia a pagamento, sia gratuitamente in qualità di "badante" privato, anche al di fuori dell'orario di servizio, per l'accudimento di un proprio familiare ricoverato in RSA.

 

PRESCRIZIONI
Pur essendo sconsigliato il ricorso a personale di assistenza privato (cosiddetti "badanti"), è tollerato il ricorso ad essi purchè espressamente autorizzato nominativamente dalla Direzione dell'Ente. In nessun caso però tale personale potrà interferire o arrecare disturbo all'espletamento delle normali mansioni e prestazioni da parte del personale dipendente della RSA, né interferire negativamente con la normale "vita" della Struttura. In tal caso, e a suo insindacabile giudizio, la Direzione revocherà con effetto immediato l'autorizzazione all'ingresso di tali soggetti esterni poiché indesiderati
All'atto dell'inserimento è opportuno fornire tutte quelle indicazioni relative alle abitudini, paure, idiosincrasie, relative all'ospite in inserimento, come pure è necessario esplicitare particolari atteggiamenti aggressivi, riferire di episodi particolarmente significativi della sua vita che abbiano lasciato traumi, ovvero riportare gusti e preferenze dello stesso. Questo aiuterà il personale a meglio assistere l'ospite ed a garantirgli una migliore qualità di vita.

In caso di necessità di richieste, informazioni o altro, si è pregati di rivolgersi al Responsabile di Nucleo, all'Infermeria ovvero alla segreteria, secondo il caso, e non indistintamente a chiunque. E' altresì inopportuno impartire indicazioni o muovere rimproveri al personale. In caso di Reclami si è pregati di rivolgersi al Responsabile di Nucleo o all'U.R.P. (c/o la Segreteria).

In caso, anche durante l'orario di visita, in una stanza, si renda necessario effettuare una visita medica o un intervento di medicazione, cambio presidi per incontinenti, igiene personale ad un ospite o simili, i visitatori sono tenuti ad uscire dal locale.
Le visite dei parenti, dati gli orari di accesso molto ampi, non possono impedire, agli orari prestabiliti, l'effettuazione, nei confronti dell'ospite, di medicazioni, cambi, bagni assistito, igiene personale, somministrazione terapie, riabilitazione ed in genere delle attività necessarie alla tutela della sua salute e benessere.

E' consentito, dietro espressa autorizzazione medica, che un familiare aiuti, ove necessario, il congiunto inserito in RSA nella alimentazione. In tal caso comunque il pasto dovrà essere consumato nella stanza, non essendo opportuna, per ragioni di tutela della privacy degli altri ospiti, la presenza di esterni nelle sale da pranzo.

E' invece consentita ed anzi auspicata la presenza dei familiari durante le attività ludico ricreative.